Anche le stelle, a volte, cadono.

Quando cadono le stelle

Ci sono personaggi noti, del passato più o meno recente, tra artisti, attori, politici e scrittori, di cui ricordiamo molto, in senso positivo, per quello che hanno fatto nella loro carriera, perché capolavori, scritti e citazioni ancora oggi non mancano di ricordarci la loro grandezza. Pensiero comune, quando si sente parlare di una celebrità, è che abbia avuto una vita da favola,  magari folle, sicuramente  scintillante. Ma cosa sappiamo della loro realtà?

C’è un libro, intitolato Quando cadono le stelle, scritto da Gian Paolo Serino e pubblicato da Baldini&Castoldi,  in cui l’autore ragiona proprio su questo, e dove la luce delle stelle si riflette sui “comuni mortali”, lui riflette sul loro lato più oscuro.

Gian Paolo Serino - Copia

Serino, al suo esordio letterario, riprende alcuni fatti realmente accaduti ( e sconosciuti ai più ) e da questi  inizia.  Fa incontrare ai suoi lettori Picasso, il più grande artista al mondo, nell’intento di rendere opera immortale la figlia di una cameriera dipingendole la schiena su una spiaggia del sud della Francia; fa scoprire ad un simbolo del cinema come Cary Grant  un fatto che sconvolge la sua intera esistenza, per altro già sconvolta dall’alcol.

Ancora, riporta la lobotomia frontale cui venne sottoposta quella che per molti era la più bella tra i  Kennedy, Rosemary, fatto insistentemente insabbiato da una grande famiglia adorata da tutti, non solo dal popolo americano. Parla dell’amore di J.D.Salinger per la giovane figlia di un premio Nobel, relazione che lo travolge e provoca in lui enorme sofferenza. E così via, per tante altre storie differenti ma con tratti molto forti in comune.

Gian Paolo Serino ha realizzato un libro di racconti, scritti talvolta in prima, talvolta in terza persona, che andrebbero però letti senza sosta, come un romanzo.  Non ci sono più  riflettori, ci sono solo i fatti, la vita.

Gian Paolo Serino

Quando cadono le stelle

Baldini&Castoldi

Pagine: 224

Prezzo: 15,00 euro

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *