L’amore di Ludo per Lila, per la vita. Nonostante la guerra.

Romain Gary, vero nome Romain Kacev, è nato in Francia nel 1914. A trent’anni , eroe di guerra, gli viene conferita la Legione d’Onore. Ma Gary è stato anche un incredibile scrittore, con romanzi come Educazione europea, Le radici del cielo e La promessa dell’alba ha vinto numerosi premi che hanno consacrato la sua grandezza di autore.

Gli aquiloni, nuovamente pubblicato nel 2017 dalla casa editrice Neri Pozza, è una delle splendide storie che il francese ha regalato ai suoi lettori. L’anno di pubblicazione è il 1980, lo stesso in cui Gary si è suicidato, il 3 dicembre, nella sua casa di Parigi.

Gli aquiloni inizia con gli anni trenta. In un giorno caldo, sotto i rami di una capanna nei pressi di Cléry, Normandia , dopo pranzo, Ludo vede per la prima volta Lila, quella che diventerà la donna che mai potrà dimenticare, nemmeno per un giorno nella vita.

Ludo vive con lo zio Ambroise, postino rurale e diventato famoso creatore di aquiloni dopo esser tornato dalla grande guerra. La Gazette di Honfleur, infatti, gli aveva dedicato un pezzo, rendendolo così celebre che Signori e Dame si recano appositamente da lui per ammirare le sue opere. Lila proviene da una famiglia di spicco, i Bronicki,  tra le prime grandi dinastie aristocratiche polacche che in Normandia passano solo l’estate. Il padre di Lila guadagna e perde fortune in Borsa con tale rapidità che nessuno sa dire se sia incredibilmente ricco o del tutto rovinato.

Per Ludo, che vive in maniera modesta, l’incontro con la biondissima Lila diventa una promessa d’amore, e Gli aquiloni è la storia di questa promessa, nonostante la seconda guerra mondiale e l’invasione tedesca della Polonia, quando i Bronicki scompaiono e Ludo si unisce alla Resistenza per salvare la sua cittadina e ritrovare l’amata, quella che vede sempre, nei suoi sogni e nella sua mente anche se non può farlo fisicamente, quella con cui parla e si confida anche se lei  ha sempre sognato solo se stessa, secondo il fratello; perché Ludo vuole celebrare la grandezza della vita e i frammenti di sogni perché non sia tutto vano.

Lo scrittore è riuscito a mettere insieme gli orrori della guerra con la meraviglia dell’amore per il genere umano e per la propria terra con  le sue tradizioni, come quella culinaria francese, che narra attraverso uno dei personaggi del romanzo, lo Chef Marcellin Duprat e il suo Clos Joli.

Un vero capolavoro colmo di descrizioni incredibilmente poetiche e al contempo reali. Come  gli altri romanzi di Romain Gary, non si può perdere.

 

 

 

 

 

 

Romain Gary

Gli aquiloni

Traduzione di Giovanni Bogliolo

Neri Pozza

Pagine: 347

Prezzo: 14,00 euro

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *