Fiore di roccia

Quando si parla di guerre si parla sempre di uomini. Di chi abbandona la propria casa, moglie e figli  per andare a combattere in nome del proprio paese.

La  verità però  è che in tempo di guerra le donne hanno avuto, hanno sempre un ruolo importante. Ma molto spesso questo ruolo non viene riportato, o viene dimenticato rapidamente. I

laria Tuti nel suo ultimo romanzo Fiore di roccia ( Longanesi), narra proprio una di queste storie: quella delle portatrici carniche, che durante la Grande Guerra sono diventate soldati tanto quanto i loro compagni, al fianco degli alpini.

Schiene, gambe e mani segnate dalla fatica, dal peso delle gerle colme di viveri e munizioni da portare sino alle trincee , le portatrici vennero chiamate dal Comando in difficoltà. Continua a leggere

Get dirty

Dalla scrittrice di romanzi young adult Gretchen McNeil è nato Get dirty ( DeA Planeta ), un romanzo per giovani lettori appassionati di brividi e genere thriller con quel pizzico di visione tutta giovanile sul mondo.

In Get dirty ci troviamo davanti a due omicidi che hanno scosso tutto il prestigioso liceo privato Bishop DuMaine. Siamo in California, in un luogo dove tutto sembra perfetto, appare senza ombre, ma ovviamente non è così. Continua a leggere

Merci, Monsieur Dior

Il mondo descritto  da Agnès Gabriel in Merci, Monsieur Dior ( Giunti) è speciale, un mondo in cui tutto è possibile, come in una fiaba in cui non possono mancare episodi negativi, momenti difficili, che però si risolvono, perché se si agisce nel rispetto degli altri non può cha andare così.

Francia, 1946: la giovane Célestine lascia la Normandia dove il suo futuro sarebbe stato tutt’altro che splendente per andare a Parigi, dove viene accolta nella piccola e umile casa dell’amica d’infanzia Marie, cameriera con l’insana abitudine di innamorarsi di ogni uomo con cui esce, pensando sempre che si tratti del principe azzurro, soffrendo ogni volta che viene abbandonata. Continua a leggere

Il nostro albero familiare

Mai come quest’anno il significato di “famiglia” ha acquisito importanza: una pandemia ci ha messo nelle condizioni di doverci allontanare fisicamente dagli affetti, ma questo ci ha resi più vicini col cuore.

Scoprire o riscoprire la propria famiglia è sempre importante, conoscere le nostre radici ci rende ancora più unici di quanto già non siamo.

A questo proposito in libreria ( e sulle piattaforme online per www.familium.it) si può trovare un libro non da leggere, ma da scrivere: Il nostro albero familiare di Monika Koprivova, tradotto in Italia da Monia Camuglia;  un libro illustrato, un albero genealogico da comporre per raccontare i propri cari e quindi sé stessi.

Che sia grande o piccola poco importa: tra genitori, fratelli, sorelle, zii, nonni e cugini,  è bello ritrovare quei particolari di una famiglia che troppo spesso andiamo dimenticando, per distrazione, per frenesia.

Il nostro albero familiare è un libro- non libro che invita a rallentare, a ricordare, a scrivere, per aggiungere, di giorno in giorno, dettagli di ciò che siamo, e di ciò che saremo attraverso i nostri figli, i nostri nipoti, coinvolgendo questi ultimi nella storia che li rappresenta, rispondendo alle loro domande.

Il nostro albero familiare rappresenta qualcosa da non scordare mai, qualcosa da aggiornare giorno per giorno con chi più ci è vicino.

In questo periodo dell’anno, poi, mentre il Natale si avvicina, questo libro, bello da vedere e da sfogliare è senza dubbio un’idea di regalo perfetta per tutti.

Monika Koprivova

Il nostro albero familiare

Traduzione di Monia Camuglia

www.familium.it

Prezzo: 29,90 euro

Donnafugata

Donnafugata è un luogo vicino a Ragusa, nella campagna, tra muri a secco e carrubi, ed è anche un casato tra i più antichi di Ibla.

Alla testa del casato c’è il Barone Corrado Arezzo De Spucches, che viene raccontato, insieme alla sua famiglia, dai genitori alla balia Annetta sino alla figlia e alle nipoti, da Costanza DiQuattro nel libro intitolato proprio Donnafugata ( Baldini+Castoldi). Continua a leggere

Devo essere brava

Sara è una ragazzina arrabbiata, e ha qualche ragione per esserlo.

Il padre se ne è andato di casa, l’ha lasciata così, da un giorno all’altro, e l’ha lasciata ancora più sola, da quando la madre è andata a lavorare altrove abbandonandola a sua volta, e suo fratello Rocky…beh suo fratello Rocky è il motivo per cui Sara deve comportarsi bene.

Sara è nata dalla penna di Alessandro Q. Ferrari Devo essere brava ( DeA Planeta), vive a Roveto, dive il grigiore annebbia la mente e impedisce di vedere il futuro.

Per questo se ne deve andare da lì, per andare a riprendersi il fratello. Continua a leggere

La mia vita dietro un pallone

Il calcio femminile ha intrapreso una strada di crescita, anche in Italia. E’ un percorso duro, in un mondo ancora in prevalenza maschile, in cui il retaggio è evidente. Ma una crescita c’è, e se i club di calcio investono, così come gli sponsor e poi pubblico e veri appassionati, è normale che qualche nome importante inizi a spiccare.

Perché le donne appassionate di calcio sono sempre esistite, le calciatrici che vorrebbero fare del pallone la loro professione ci sono da tanto tempo. E tra le ragazze che si battono perché le giovani leve possano vivere con più semplicità ciò che loro si sono dovute conquistare, c’è Sara Gama.

Sara è triestina, nata nel 1989, oggi è difensore della Juventus e capitano della Nazionale femminile. E Sara ha deciso di raccontare la sua storia di La mia vita dietro un pallone ( De Agostini), un libro che racconta un grande amore. Nato spontaneamente. Quando usciva da scuola Sara andava a calciare la palla, soprattutto con gli amici maschi. I Topolini di Barcola, sul lungomare, erano il suo campo preferito, e quando il pallone finiva in acqua il pallone diventava una gara di tuffi. Continua a leggere

Il camaleonte

8TTO Edizioni è una casa editrice che pubblica pochi libri scelti con accuratezza, sulla base dell’originalità dei testi e della loro immortalità. Le storie pubblicate sono sempre uniche, fantasiose se non fantastiche e portano al lettore vite uniche e sorprendenti. Così è anche per Il camaleonte di Samuel Fisher, libraio di East London e editore.

Il camaleonte è John. John è un libro, un libro che da ottocento anni può assumere diverse combinazioni di parole, cambiare titolo e narrazione. E’ stato il libro di tante persone ovviamente, passato di mano in mano con quella piccola paura costante di essere dimenticato da qualche parte o peggio, buttato, bruciato. Ma per sua fortuna non è mai stato così, e nel corso degli anni è riuscito a vedere molte vite, quelle di chi l’ha sfogliato, con attenzione o distrattamente, magari con una matita in mano per coglierne i messaggi e sottolinearli, annotarli, riprenderli.

Dopo tante persone però John decide di soffermarsi sula vita di Roger e di raccontarla, raccontando così anche sé stesso. Continua a leggere

Soltanto mia

Soltanto mia, romanzo scritto a quattro mani dall’avvocato  Lorenzo Puglisi e dalla psicoterapeuta Elena Giulia Montorsi ( Mondadori) è un pugno allo stomaco. E’ uno di quei libri che fa provare rabbia, tristezza, angoscia, ma è anche una prova d’empatia, di affetto.

Questi ultimi sentimenti vanno a Federica, che un giorno d’estate, su un treno dalla Liguria alla Lombardia, incontra dopo svariati anni Gabriele. Entrambe hanno dei figli e un matrimonio naufragato, finito male. Quando i due si vedersi scatta qualcosa, la voglia di rivedersi è immediata, ma mentre Gabriele la esplicita attraverso messaggi, inviti contatti sui social network, Federica si pone dei freni per paura di farsi male, ancora una volta, anche se Gabriele le piace moltissimo, e il ricordo di lui con i suoi figli continua a farle pensare che sia un bravo papà e un brav’uomo, uno attento e presente, contrariamente al suo quasi ex marito. Continua a leggere

Il quaderno dell’amore perduto

Dopo aver letto il romanzo diventato un grande successo editoriale Cambiare l’acqua ai fiori di Valérie Perrin, prendere in mano Il quaderno dell’amore perduto (Casa Editrice Nord) non fa altro che confermare le grandi capacità dell’autrice francese nel narrare storie differenti che si intrecciano e finiscono per incontrarsi su più piani narrativi. Con stile poetico e romantico, ma mai stucchevole, Perrin porta sulla carta figure femminili che devono fare i conti con una vita mai semplice, ma che resistono a tutto perché amano la vita, amano l’amore, amano.

La protagonista de Il quaderno dell’amore perduto è Justine, segnata dalla morte dei genitori e degli zii in un incidente d’auto. Le sono rimasti il cugino, orfano come lei, e i nonni paterni.

Justine ha scelto di vivere a Milly, una cittadina nel cuore della Francia, e di lavorare nella casa di riposo Ortensie, dove si prende amorevolmente cura di anziani con storie che lei nemmeno può immaginare, e non solo per la sua giovane età. Proprio alle Ortensie Justine conosce Hélène, che le racconta la sua incredibile vita, il suo amore spezzato dalla guerra. E’ una storia così bella e tragica assieme che Justine non può fare altro che acquistare un quaderno color azzurro per scriverla. Continua a leggere