Storie di grandi artisti, storie di Outsiders.

Noto creativo e autore, Alfredo Accatino ha pubblicato con Giunti un volume unico nel suo genere, che non deve sfuggire a tutti gli appassionati d’arte, ma anche ai curiosi per natura, coloro che amano scovare storie che non tutti sanno. Anzi.

S’intitola Outsiders questo bel volume, nato proprio da una mente curiosa, appunto, che ama “ridare vita e dignità alle cose”, e riporta alla luce trentaquattro storie di artisti che non sono mai entrati nell’olimpo dei grandi, mai menzionati nei libri di Storia dell’Arte nonostante un indiscusso talento, ridando una memoria che altrimenti non tornerebbe mai a galla. Continua a leggere

Tutto il tempo che vuoi: a volte, nella vita, bisogna sapersi reinventare.

Ci sono persone che hanno coraggio, che decidono di cambiare radicalmente la loro vita perché quella che hanno, così com’è, non va più bene.

Poi ci sono persone che devono necessariamente cambiare vita, perché in qualche modo il destino glielo chiede.

E a dover stravolgere la propria vita è Franz, il protagonista di Tutto il tempo che vuoi, ultimo romanzo di Francesco Gungui edito Giunti. Editor, fidanzato da tempo con Lucia, in un attimo Franz si ritrova senza lavoro e senza ragazza. Un romanzo erotico  che non aveva preso in considerazione per la pubblicazione ha trovato un altro editore e sta avendo un enorme successo, così l’editore gli ha suggerito di prendersi del tempo: la sua ricerca di romanzi più impegnati non ha dato i risultati attesi. Nello stesso momento il ragazzo trentaseienne, alla ricerca di un figlio che non arriva, scopre che la sua ragazza ha dei ripensamenti, anzi, ha ricominciato ad assumere anticoncezionali.

Ovviamente il mondo di Franz, quel futuro che si era immaginato tutto casa, famiglia e ufficio, crolla. In un istante non ha più nulla. Continua a leggere

Una lunga notte di cucina e memorie.

Una notte per ricordare la propria infanzia, la propria giovinezza, tutto quello che è accaduto, e dove tutto quello che è accaduto è strettamente collegato ai profumi e ai sapori in cucina. E’ La lunga notte di Adele in cucina, romanzo di Livia Aymonino pubblicato da Giunti, a raccontarci tutto questo: la vita di Adele, che non ha ancora fatto i conti con quello che è diventata, con l’anagrafe, che non è pronta per questo, per l’arrivo dell’inverno.

Il libro è autobiografico, l’autrice parla di sé anche se si trasforma in Adele per i lettori e per questa lunga notte in cucina.

Adele fa parte della generazione arrivata oggi ai sessant’anni, quella che si avvicina alla vecchiaia senza esserne resa conto: una generazione di giovani che non ha mai fatto davvero i conti con la maturità. Come fare ad affrontare tutto ciò? Abbandonandosi alla memoria e a quello che è stato. Continua a leggere

E se una chat fosse in grado di rivelarci quando qualcuno ci sta mentendo?

Social network, applicazioni, chat: tutti prodotti della tecnologia che mirano a metterci in contatto col mondo, a trovare un nuovo modo di socializzare. Ma come spesso accade c’è il rovescio della medaglia: sapere tutto di tutti significa che tutti sanno tutto di noi, che la privacy è spesso violata, che ci ritroviamo ad essere contemporaneamente carnefici e vittime dello “spionaggio” volontario o meno portato dall’innovazione.

Prendiamo ad esempio la spunta verde di Whatsapp, l’app di messaggistica  gratuita, quella spunta che significa che la persona a cui abbiamo scritto ha letto il messaggio.  Può essere davvero frustrante  sapere di aver scritto a qualcuno che ha visualizzato ma non sta rispondendo…può esserci di peggio? Continua a leggere

Claudia e il veleno di una relazione malata.

Il 25 novembre si è tenuta la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Ma ogni giorno, tutto l’anno, bisognerebbe fare qualcosa contro gli abusi, la ferocia che alcuni uomini riservano alle donne, fisica, verbale, psicologica.gocce-di-veleno

C’è un libro che parla di questo, un romanzo che lacera la coscienza. Una storia importante, da leggere, scritta da Valeria Benatti. Il titolo è Gocce di veleno, l’editore  Giunti.

Claudia ha trentasei anni, è una bella ragazza, vive a Milano, ha un lavoro come editor ed  è indipendente. Almeno apparentemente. In realtà Claudia è intrappolata in un rapporto che le sconvolge, che mina la sua autostima quotidianamente.  Continua a leggere

L’imperfetta meraviglia della vita.

limperfetta-meraviglia

La stagione estiva ha oramai dichiaratamente lasciato il passo all’autunno, il sole ha fatto spazio alla pioggia, le temperature si sono abbassate. Chi ha più voglia di mangiare il gelato? Sicuramente Milena Migliari, l’ultima creatura nata dalla penna di Andrea De Carlo protagonista de L’imperfetta meraviglia,che non è solo il titolo dell’ultimo romanzo dello scrittore milanese ma anche il nome della gelateria di Milena Migliari. Per essere precisi il negozio di chiama La Merveille Imparfaite, trovandosi nel sud della Francia.

Milena non ama mangiare il gelato, ama realizzarlo, ama scegliere con cura le materie prime di stagione ( in proposito le descrizioni dei gusti sono splendide, specie quella del frutto del caco), provare ricette, riprovarle ancora, cambiarle anche se sono già buone così, adora sperimentare e sperimentare, ancora e ancora. Il gelato è la sua passione, la gelateria il suo piccolo regno.

Nello stesso periodo, nella medesima regione di Provence -Alpes- Cote d’Azur, è in programma un concerto della band inglese Bebonkers, il cui leader si chiama Nick Cruickshank, proprietario di una grande villa e in procinto di sposarsi per la terza volta, con Aileen, giovane e intraprendente donna. Continua a leggere

La borghesia italiana in un cocktail.

Elsa Misiano e suo marito Edoardo, noto avvocato, hanno tre figli: Gianni, primogenito, commercialista di grido colpevole di aver sposato una donna di provincia e di sinistra, Paolo, deputato, con moglie in attesa del quarto figlio e una decisa predilezione per i casini, i tradimenti e le insicurezze, e infine Ranieri, il prediletto della madre, giornalista e scapolo, che gli altri due fratelli comunemente definiscono – stronzetto– .gin-tonic-a-occhi-chiusi

La famiglia appena descritta è quella uscita dalla penna del giornalista Marco Ferrante, che racconta la vita dei Misiano in Gin tonic a occhi chiusi, romanzo pubblicato da Giunti.

In primo piano c’è però anche Roma con la sua classe benestante, grandi case e bicchieri di cristallo, ma anche crisi, economica e personale di molti dei personaggi che fanno parte di questo affresco dei nostri tempi,  tra scandali e tradimenti. Continua a leggere