Picasso. Uno, nessuno e centomila.

Picasso è probabilmente l’artista di cui si è parlato di più al  mondo: su di lui sono stati scritti saggi, romanzi, le persone che l’hanno conosciuto hanno sempre voluto dare testimonianza di quella che è stata la loro visione di un personaggio davvero unico.

Luca Scarlini, storyteller  saggista e drammaturgo ha pubblicato riguardo alla figura di Pablo Picasso un volume edito Skira intitolato Picasso. Uno, nessuno e centomila, in cui ha raccolto le parole di chi ha frequentato il pittore e scultore spagnolo, a cominciare da Fernande Olivier, pseudonimo di Amélie Lange, che a Picasso è stata legata per sette anni, dopo averlo conosciuto nel 1904, in una  spesso relazione difficile ( anche per via della gelosia, di lei e di lui), che ha portato alla realizzazione di una sessantina di ritratti della donna. Continua a leggere

Comunicazione e business nell’era dei selfie.

Il mondo cambiato alla rapidità della luce dai computer, da internet e dall’arrivo di social network e chat ha mutato radicalmente anche le nostre vite e il nostro modo di comportarci e rapportarci con gli altri. I nostri gesti sono legati agli smartphone, al controllo ossessivo di mail e facebook, di hashtag e via così.

Cresce inevitabilmente, perciò, il numero di testi che studiano questo fenomeno, cercando di analizzare quello che accade a noi, nelle nostre case, alle nostre famiglie e ai nostri amici. Un libro molto interessante in tal senso è People are media. Il business digitale nell’era dei selfie ( Modadori Electa ), scritto da Aldo Agostinelli, digital marketing director di Hewlett Packard a San Francisco nel 2013 e ora in Sky Italia come digital officer, e Silvio Meazza, cofondatore nel 2010 di M&C SAATCHI Milano. Due che della materia ne capiscono, insomma. Continua a leggere

Nasci, cresci e posta.

Come proteggere i figli dalle insidie della rete? Un tema sempre più dibattuto, questo. Sono molti i giornalisti e gli scrittori che si occupano di questo argomento molto complesso.  Se è vero che Internet permette di arrivare ovunque e a chiunque, questi stessi traguardi possono diventare un incubo quando si trasformano in stalking, bullismo e altre forme di violenza inaudita difficile da contrastare.

Simone Cosimi, giornalista, e Alberto Rossetti, psicoanalista e psicoterapeuta, si sono occupati della questione nel volume Nasci, cresci e posta. I social network sono pieni di bambini: chi li protegge? ( Città Nuova) , trattando il problema da un punto di vista familiare, dove i genitori devono essere in assoluto i primi a dare un’educazione ai loro bambini sulla vita virtuale. Cosa non facile, visto che i ragazzi, quelli nati con pc, tablet e smatphone in mano, sono scaltri e conoscono la rete molto meglio di papà e mamma.

Continua a leggere