Le storie e i silenzi dei personaggi di Edward Hopper.

luce-con-muri

Per gli amanti dei libri e dell’arte, Michele Mozzati, autore teatrale, da quarant’anni  noto  per il duo di cui fa parte, Gino&Michele ( con Luigi Vignali), ha scritto un delizioso volumetto : Luce con muri. Storie da Edward Hopper ( Skira), proponendo  dieci dipinti del pittore statunitense ( 1882-1967) che ha avuto la capacità di riportare su tela vita e solitudine dell’America contemporanea, in maniera così suggestiva e potente da creare in chi osserva i suoi quadri la voglia di entrarci dentro e prendere parte alla scena.

Certamente è quello che è accaduto a Mozzati, che ha scritto per ogni opera un breve racconto, immaginandosi  le storie dei personaggi rappresentati: quello che è accaduto, quello che sta accadendo e  che potrebbe accadere.

L’autore lo definisce un non-libro, perché “Di solito i libri si leggono, si sfogliano e si leggono. I non-libri invece  si toccano, si guardano chiusi e aperti. E richiusi, si immaginano. “

Hopper dal canto suo diceva – Se potessi esprimerlo con le parole non ci sarebbe più nessuna ragione di dipingerlo.- Così lui raccontava storie, sensazioni e sentimenti attraverso i suoi pennelli.

Ma la magia di un dipinto sta anche nell’osservatore: ci si può inventare una storia, farne parte o esserne spettatore, ma sempre con grande coinvolgimento.

People in the sun ( 1960)

E. Hopper – People in the sun ( 1960 )

Michele Mozzati si è lasciato coinvolgere dalla luce, dai paesaggi, dai personaggi affascinanti e misteriosi di Hopper. Da People in the sun ( 1960 ), ad esempio, è nata la Convention a cui stanno partecipando Richard, Mary, Andrew, Geraldine, Hugo ( ma chissà se sono i loro veri nomi ), i loro rapporti, le loro vite, i loro pensieri.

Automat ( 1927) invece racconta di Linda, aspirante attrice, che do

E.Hopper - Automat ( 1927)

E.Hopper – Automat ( 1927)

po un provino attende di sapere se la parte sarà sua, anche se probabilmente non sarà così e rimarrà ad aspettare lì, sola, col suo caffè in mano e le gambe troppo scoperte.

 

 

 

Non  poteva poi  mancare uno dei quadri più noti al mondo, Nighthawks ( 1942), in italiano Nottambuli. In scena sono  in quattro: l’uomo e la donna seduti vicini al bancone si chiamano Rudy e Glenda, mentre il signore all’altro angolo, di spalle, è semplicemente l’ingrugnito. Infine c’è il barista, Jerry, che ora è calvo, ma quando li aveva i capelli erano rossi, lui è irlandese…

E.Hopper - Nighthawks

E.Hopper – Nighthawks ( 1942)

Sono solo alcuni esempi delle ispirazioni di Mozzati, e se ogni storia, come ogni dipinto, è differente, c’è un comune denominatore: il silenzio.

 

L’incapacità di comunicare dei personaggi di Hopper, attanagliati dalle luci forti e dalla prepotenza delle ombre, la ritroviamo in quelli dello scrittore.

michele-mozzati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Michele Mozzati

Luce con muri. Storie da Edward Hopper

Skira

Pagine: 64

Prezzo: 13,50 euro

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *