Una morte onorevole

Torna in libreria il Commissario Luca Botero, alias l’Amish, personaggio nato dalla penna di Paolo Roversi, con una nuova indagine intitolata Una morte onorevole ( Mondadori).

Botero è un personaggio affascinante e unico nel suo genere per il suo approccio investigativo decisamente retrò, senza cellulari e computer, ma con una memoria eidetica e una mente deduttiva brillante che rinuncia consapevolmente alla tecnologia moderna, preferendo affidarsi a un mix di osservazione, inferenze e attenzione alla prossemica, proprio come un detective d’altri tempi.

La trama si sviluppa nella Milano  post-Expo del 2015, con il lussuoso Savoy come teatro del crimine. Qui, l’onorevole Vincenzo Greco viene trovato morto durante una celebrazione legata alla fine dell’EXPO e al progetto della nuova tangenziale est esterna di Milano, la TEEM.

Cambio vita, vado al sud

Vivere in una città frenetica come Milano, immersi nel lavoro e nel traffico cittadino può andare bene, o forse no. Bisogna prendere le misure, decidere cosa è meglio per noi. Andare a vivere al sud, dove la vita è più calma e probabilmente salutare, può rappresentare una soluzione, certo, ma  bisogna prendere una decisione non da poco, e come in tutte le cose, anche avere u n pizzico di fortuna.

Un cambio così radicale l’ha fatto Alessandro Brunello, noto per il suo passato come comico e autore per Zelig, Rai 2, Radio 105 e come pioniere del crowdfunding. Brunello, a quarantasei anni, decide di abbandonare la frenetica vita milanese per trasferirsi in Puglia, alla ricerca di una felicità autentica e duratura. E ci racconta tutto in Cambio vita, vado al sud – diventare terroni e vivere felici.

Il libro, pubblicato da Salani,  inizia con una riflessione sulla malinconia tipica della fine delle vacanze estive, un sentimento che l’autore confessa di non provare più dopo aver cambiato radicalmente la sua vita. La narrazione di Brunello è impregnata di ironia e introspezione, rendendo il lettore partecipe del suo percorso di riscoperta e rinascita. L’idea centrale del libro è che lo stile di vita di ciascuno di noi è una scelta personale, spesso archiviata tra i pensieri semplici che sorprendentemente riaffiorano, ma che raramente vengono seguiti fino in fondo.

Elegante da morire

Che risate nel cinico mondo pieno di lustrini della moda raccontato da Renata Molho, giornalista al suo primo romanzo. Elegante da morire ( Baldini+Castoldi).

La scena non può che aprirsi a Milano: Madame JesaisTou ( alisas Gaetana Pizzuti), nota direttrice di altrettanto famosa rivista, viene trovata morta nel bagno di un esclusivo locale, uccisa con uno stiletto.  Gli invitati alla festa scambiano la scena con il sangue che fa pendant con i capelli rossi della vittima  per una performance artistica, riflettendo il cinismo e la superficialità dell’ambiente. Solo l’addetta alle pulizie, estranea a quel mondo, capisce la verità il giorno dopo. Molho crea personaggi dai nomi evocativi come Madame Jasais Tout, Only Money, Ernesto J’Adore e Gabrielle Levent Contraire, ognuno rappresentante diverse dinamiche e ipocrisie della moda.

La quarta compagna

Nei primi del Novecento a Milano, Ada, figlia giovanissima di un ristoratore socialista, si ritrova immersa nelle lotte politiche. La sua vita è scandita dalle manifestazioni e dalla gestione della famiglia, appartenendo alla classe operaia e sognando un futuro più giusto che corregga le ingiustizie intorno a lei. Frequenta i capi del partito comunista clandestino, ma sente di non avere molto in comune con loro: istruiti, borghesi e prevalentemente maschi, la interpellano solo per conoscere la “voce del popolo”. Questa è la storia raccontata da Orsola Severini in La quarta compagna ( Fandango Libri).

Nei primi anni del regime fascista, Ada collabora alla diffusione dell’Unità a Milano e raccoglie fondi per il Partito Comunista. Tuttavia, nel 1927, la sua vita subisce un drammatico cambiamento. Viene seguita, la sua casa perquisita, il padre minacciato, e lei condotta verso un luogo sconosciuto. Imprigionata e sottoposta a indicibili torture, Ada è in balia di un potere oppressivo e violento. Dopo anni di abusi, viene interrogata dallo stesso giudice istruttore del processo contro Gramsci, che le offre uno spiraglio (forse): un modo, per quanto doloroso, per evitare un processo politico come nemica dello Stato.

Ispirato a una storia vera, La Quarta Compagna di Orsola Severini rende omaggio alle tante donne combattenti italiane che, durante il regime fascista e per tutto il secolo scorso, hanno lottato per difendere il proprio senso di giustizia, spesso a costo di perdere tutto ciò che avevano.

Un racconto che ci riporta alle radici della lotta per un mondo più giusto, sottolineando il coraggio e la determinazione di queste donne. Con una scrittura coinvolgente, Severini dipinge un quadro vivido e commovente della vita di Ada, mettendo in luce le sfide e i sacrifici di chi ha combattuto per la libertà e l’uguaglianza. Questo romanzo è un tributo potente e necessario alla memoria delle donne che hanno fatto la storia, ma che spesso sono rimaste nell’ombra.

Orsola Severini

La quarta compagna

Fandango Libri

Pagine: 171

Prezzo: 16,00 euro

Giochi di ruolo

Nel nuovo romanzo di Gabriella Genisi, Giochi di ruolo (Marsilio,), ci troviamo immersi in un’indagine intricata condotta dall’affascinante  vicequestore Giancarlo Caruso.

Gli appassionati lettori di Genisi conoscono questa figura, legata a Lolita Lobosco, la protagonista iconica dell’autrice, e infatti si tratta di uno spin-off. E sebbene Lolita non sia al centro della scena, la sua presenza aleggia come una guida spirituale e un mentore nei momenti più critici per Caruso.

Caruso, siciliano dal fascino irresistibile, ha accettato il ruolo di primo dirigente presso il commissariato di Manfredonia per sfuggire al dolore della sua rottura con Lolita.

La storia comincia con l’esplosione della sua auto che causa la morte del suo amato cane Buck, e si complicano quando a Siponto,  all’interno di una villa, una donna trova il corpo senza vita del fidanzato, Savino Vitulano. Il decesso è sospetto, vicino al cadavere tracce di Fentanyl.

Virginia Apgar – L’intuizione geniale

È interessante conoscere e immergersi nella straordinaria vita di una figura pionieristica della medicina moderna come Virginia Apgar.

Grazie al libro Virginia Apgar – L’intuizione geniale, Emilia Covini ci permette di farlo, raccontandoci una donna che ha rivoluzionato il campo dell’anestesia ostetrica con la sua invenzione dell’indice di Apgar.

Ma questo libro, pubblicato da Morellini,  è molto più di una semplice biografia: è un viaggio attraverso le passioni, le sfide e i successi di una donna che ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della medicina, una donna che ha dovuto lottare in un mondo dominato dagli uomini per ottenere il riconoscimento che meritava. Nonostante gli ostacoli e i pregiudizi dell’epoca, Apgar si è distinta non solo come anestesista ostetrica, ma anche come musicista e sportiva, dimostrando una versatilità e una passione fuori dal comune.

Il prezzo della purezza

Una madre, una figlia,  il tempo che  diventa un nemico e la giustizia un’illusione sfuggente. Questo è il contesto drammatico in cui si sviluppa Il prezzo della purezza, romanzo scritto da Vito Franchini e pubblicato da Giunti, terzo capitolo di una serie che ha conquistato i lettori con i suoi protagonisti Sabina Mondello e Nardo Baggio.

Sabina Mondello, dirigente della Mobile di Verona, è chiamata a risolvere un caso estremamente delicato. Una bambina italo-algerina è stata rapita dal padre e sta per essere sottoposta alla pratica dell’infibulazione. Per evitare questa barbarie, Sabina dovrà ricorrere all’aiuto di Nardo Baggio, uomo capace di ottenere giustizia operando al di fuori delle regole istituzionali. Il rapporto tra Sabina e Nardo è complesso e intenso, carico di ambivalenze che rendono la loro collaborazione tanto efficace quanto turbolenta.

Quell’odore di resina

Quell’odore di resina,  il primo romanzo della  poetessa Michela Zanarella, ci porta nel mondo interiore di Fabiola, una giovane donna segnata da difficoltà e inquietudini.

Il libro, pubblicato da Castelvecchi, è narrato in prima persona, e si snoda attraverso continui flashback e ritorni al presente, offrendo uno sguardo intimo e coinvolgente sulla vita della protagonista.

Tre sono i filoni che si intrecciano nel corso della narrazione: c’è  l’amore, la sua mancanza, nelle diverse sfumature che caratterizzano i rapporti di Fabiola, dai genitori agli uomini che attraversano la sua vita. Queste relazioni, talvolta fallimentari ma sempre fondamentali per la sua crescita personale, sono al centro della sua esperienza. C’è poi il desiderio di fuga da un’esistenza insoddisfacente, sia in senso figurato attraverso la poesia, sia in senso letterale con il  trasferimento dal Veneto a Roma. Questo viaggio riflette il bisogno di Fabiola di trovare un nuovo inizio e una nuova identità.

La mia creatura

Una nuova narrazione, una nuova visione sull’autrice di Frankenstein, Mary Shelley, la cui storia personale è già di per sé un vero e proprio romanzo.

Ed è per questo che Silena Santoni regala ai suoi lettori La mia creatura ( Giunti) , la storia di Mary Shelley, giovane, sfrontata, perdutamente innamorata di Percey, un uomo già sposato, geniale, anticonformista, per cui lascia la famiglia in nome della passione.

Con un pizzico di fantasia Santoni aggiunge particolari e personaggi per comprendere ancora meglio quanto accaduto alla morte di Percey.

Così conosciamo Pierre, un montanaro pacifico e curioso che gestisce con la moglie una locanda sulla riva del Lago di Ginevra. Quando a Villa Diodati giunge l’eccentrico poeta Lord Byron accompagnato dagli amici, Shelley con la moglie e la sorellastra di lei Claire insieme a Polidori ,Pierre ne rimane stregato.  

Nel nome delle donne

Un libro che racconta il coraggio e la determinazione delle donne: Nel nome delle donne parla di sette imprenditrici che hanno lasciato un’impronta importante nel mondo degli affari.

Attraverso le loro storie avvincenti, gli autori Adriano Moraglio e Silvia Lessona ci conducono in un viaggio emozionante attraverso le vite e le realizzazioni di queste donne straordinarie.

Tra le testimonianze quella di Nunzia Giunta, una delle protagoniste che, insieme al marito, ha fondato e guidato UomoeAmbiente, un’azienda di consulenza e formazione per le imprese che si è distinta per la sua eccellenza nella sostenibilità. La sua filosofia di leadership, basata sulla gentilezza e sull’empatia, ha conquistato il riconoscimento della Fondazione Bellisario e ha ispirato molte altre imprenditrici a seguire il suo esempio.

Il libro, pubblicato da Rubettino, è reso ancor più  forte da un  approccio intimo e personale. Ogni racconto è narrato in prima persona, trasmettendo una sensazione di autenticità e sincerità. Le protagoniste si rivolgono a un interlocutore immaginario, condividendo non solo i loro successi, ma anche le loro paure, le sfide affrontate e i momenti di fragilità.