Presto verrai qui

Dalla penna dello sceneggiatore Giorgio Glaviano è nato il giallo Presto verrai qui ( Marsilio).

Protagonista è la palermitana ( come Glaviano) Melina Pizzuto, trentacinque anni, ispettore di polizia, che dopo aver vissuto e lavorato per anni a Roma è stata trasferita, o meglio rispedita, proprio nella città natale.

Motivo? Una denuncia, da parte sua, verso gran parte del commissariato della capitale, incluso il suo fidanzato. Abusi di potere, atti violenti, intimidazione. Melina ha messo tutto nero su bianco, e a molti non è piaciuto. Per questo anche a Palermo i suoi colleghi non la considerano, la tagliano fuori da ogni caso.

Nella sua stanza con un pc che va a singhiozzo, con nulla da fare, Melina si rifiuta però di darsi per vinta. E soprattutto non vuole scendere ad alcun compromesso. Continua a leggere

Il castello di Barbablù

Dallo scrittore Javier Cercas nasce il thriller Il castello di Barbablù, uscito in Italia con Guanda.

Melchor Marin è un ex poliziotto, oramai bibliotecario. Ha abbandonato la divisa dopo la morte della moglie Olga, morte di cui è accusato dalla figlia Cosette.

Cosette infatti non perdona al padre di averle nascosto per ben quattordici  anni il vero motivo della mancanza irreparabile della madre, dovuta all’ostinazione di Melchor nel perseguire i colpevoli della sua prima indagine.

Cosette è un’adolescente diventata ribelle perché amareggiata e delusa, confusa e incerta. Anche sul fatto di voler proseguire gli studi. Continua a leggere

La vita paga il sabato

Lo scrittore Davide Longo torna con il divoratore di sucai commissario Arcadipane impegnato in una nuova indagine.

La vita paga il sabato ( Einaudi) lo porta e ci porta fuori dalla sua Torino,  a Clot, un piccolo paese di montagna, trentasette abitanti sovrastati da una grande diga.

Su una radura, all’interno della sua auto, viene trovato il corpo senza vita di Terenzio Fuci, noto produttore cinematografico. L’uomo è stato ucciso, e sua moglie, la bellissima ex attrice  Vera Ladich, che in passato ha fatto innamorare tanti uomini,  è scomparsa nel nulla. Continua a leggere

Il porto degli uccelli

Nella Copenaghen più elegante e sofisticata si svolge la storia de Il porto degli uccelli, giallo di Katrine Engberg pubblicato in Italia da Marsilio.

E’ una bella giornata primaverile quando Oscar Dreyer-Hoff, quindicenne di buona famiglia, scompare nel nulla.

L’indagine viene affidata a Jeppe Korner e Anette Werner, i due poliziotti della sezione omicidi della capitale danese. E’ vero, il rapporto di Oscar con i genitori, due noti galleristi e commercianti d’arte, non era dei migliori, il ragazzo potrebbe essersi allontanato volontariamente in una bravata che potrebbe concludersi in poche ore. Ma non è così. Continua a leggere

Le invisibili

Donne che hanno smesso di far finta di essere qualcun altro, donne che arrivano a gesti anche estremi per necessità o per disperazione, donne che hanno deciso di farsi vedere, di non essere più “Invisibili”.

E Le invisibili è il titolo del libro pubblicato da Rizzoli nella collana Nero che racchiude i racconti di quattro delle più brillanti e capaci scrittrici del nostro paese: Sono Gabriella GenisiMarilù OlivaMariolina Venezia e Grazia Verasani.

Quattro donne che raccontano storie di donne, con la loro dignità e la voglia di dire basta a chi non le ascolta, a chi non le vede, donne che hanno smesso di dire che va tutto bene quando non è così. Un quadro splendidamente composto, quello racchiuso in questa antologia.

Troviamo perciò l’investigatrice creata da Genisi Chicca Lopez alle prese con un delitto che ha luogo e radici nella cultura del Salento, la sua terra. Il modo per arrivare alla soluzione? Comportarsi con la sensibilità tutta femminile. C’è poi Micol Medici, la protagonista di Marilù Oliva che si muove tra le vie di Bologna per indagare su un omicidio avvenuto nel mondo dello spettacolo dove ci sono uomini privi di scrupoli nei confronti di ragazza giovani in cerca di una carriera in un ambiente solo apparentemente dorato.

Mariolina Venezia ha scritto invece una lunga lettera indirizzata a Imma Tatarianni colma di dettagli brutali. A fare da scenario Matera e un set cinematografico con un film su Maria di Nazareth

Infine il racconto di Grazie Varesani, che ci porta in una periferia piena di miseria e degrado, un ambiente domestico violento e terribile.

Sono tutte storie che arrivano da lontano, quelle scritte dalle quattro autrici. Ognuna con la sua penna, col suo modo di pensare, ma accomunate da un messaggio molto profondo.

Gabriella Genisi, Marilù Oliva, Mariolina Venezia e Grazia Verasani

Le invisibili

Rizzoli

Pagine: 228

Prezzo: 16,00 euro

La carrozza della Santa

Torna la palermitana Giovanna “Vanina” Guarrasi, capo della Sezione Reati contro la persona della squadra mobile di Catania, creatura nata dalla penna di Cristina Cassar Scalia. Il nuovo capitolo si intitola La carrozza della Santa  (Einaudi). E’ il sei febbraio, si è appena conclusa la festa di Sant’Agata, quando un uomo viene trovato morto dentro la cosiddetta Carrozza del Senato nell’androne del Palazzo degli elefanti, sede storica del comune di Catania.

Una morte violenta, sulla quale Vanina inizia ad indagare insieme alla sua  squadra e a Biagio Patanè, commissario teoricamente in pensione ma sempre al lavoro, perché il suo intuito è tutt’altro che pensionato, e il vicequestore Guarrasi ha un ottimo feeling con lui.

L’identità dell’uomo ammazzato viene presto rivelata: Vasco Nocera, uomo ricco e noto in città, anche per il suo debole per le donne, specie per la  sua giovane amante Sergia Vannotta, con la quale, presumibilmente, doveva incontrarsi proprio all’interno della carrozza, venendo meno alla sua devozione per Sant’Agata. Sulla donna si concentrano i sospetti, ma Vanina non può fare a meno di stare attenta al figlio di Nocera, Giordano. Continua a leggere

Macerie

Dalle quattro mani e due penne di Erica Arosio e Giorgio Maimone, che scrivono insieme dal 2013, è nato un nuovo giallo, Macerie ( Mursia).

Siamo a Milano, città amata e ben conosciuta dai due autori, siamo a dicembre del 1950, Milano conta ancora le macerie del dopoguerra, ma va veloce, si deve rimettere in piedi, guardare al futuro. Continua a leggere

La musica dell’anima

Dall’analista e formatrice Domitilla Melloni arriva La musica dell’anima ( Damiani Editore), un volume che vuole aiutare chi legge ad ascoltarsi, ascoltare la propria voce per sapere ascoltare quella degli altri.

Perché nella vita è fondamentale saper ascoltare davvero per avere la giusta consapevolezza e la giusta comprensione.

Viviamo in un mare di voci, molte arrivano dall’esterno, ma c’è anche quella interna che ci racconta qualcosa che da fuori non arriva. Le voci sono del presente, arrivano dal passato e ci portano verso il futuro. Continua a leggere

Mentre il tuo cuore batte ancora

Eira si è una ragazza gallese, trasferitasi a Londra con il marito Tod.

E la sua storia inizia dalla fine.

Cioè dalla morte del marito, pugnalato su un autobus. In un attimo, quando ti trovi nel posto sbagliato nel momento sbagliato, tutto finisce. E’ Mentre il tuo cuore batte ancora, romanzo di Tyler Keevil ( HarperCollins) .

Eira decide così di abbandonare il lavoro e trasferirsi a Praga, città che ha avuto un ruolo importante proprio nella sua relazione con Tod. Qui, mentre vaga per la città, la protagonista si imbatte in uno strano personaggio che le propone un lavoro. Una cosa semplice, dice, semplice e non così illegale. La proposta che questo individuo le fa è quello di prendere una macchina, andare in Ucraina per portare una valigia e tornare indietro. Tutto qui. O quasi. Continua a leggere

Il pianista di Hitler

Una storia vera e documentata, affascinante come sanno essere le storie che nascono dai periodi storici più complessi e travagliati.

E’ Il pianista di Hitler di Thomas Snégaroff ( Feltrinelli), la biografia di Ernst Hanfstaengl, per tutti Putzi.

21 novembre 1922, Monaco: una folla ascolta Hitler che parla dei diritti dei lavoratori, della società che vuole creare, dei cambiamenti. Tra queste persone c’è proprio lui, Ernst Hanfstaengl, trentacinquenne appartenente ad una nota famiglia di mercanti d’arte, vicino di casa di Thomas Mann, cresciuto tra America e Germania. Un uomo alto alto e ironico, Putzi, nazista della prima ora. Continua a leggere