L’impronta scarlatta

Richard Austin Freeman, nato a Londra nel 1862, è di fatto considerato l’inventore del romanzo poliziesco invertito, dove la commissione del crimine viene descritta all’inizio  includendo l’identità dell’autore, e proseguendo con la storia sino ad arrivare alla soluzione del  mistero.

Il primo grande successo di Freeman arrivò nel 1907 con la pubblicazione de L’impronta scarlatta, poliziesco che oggi ritroviamo in libreria grazie a Ronzani Editore e la traduzione di Andrea Comincini.

Ci troviamo dunque a Londra, nell’ufficio del commerciante in oggetti preziosi John Hornby. Qui è appena arrivato un pacco da Sudafrica contenente diamanti rarissimi. Per una serie di circostanze, Hornby è costretto a riporre al sicuro il prezioso carico nella sua cassaforte, ma quando la mattina seguente questa viene aperta, i diamanti non ci sono. Non ci sono nemmeno segni di manomissione, e nessuno ha visto nulla di strano. Ma  sul fondo della cassaforte c’è un foglio bianco  sporco di sangue che rivela l’impronta scarlatta di un pollice. Continua a leggere

Chiedi al portiere

Dopo Morte accidentale di un amministratore di condominio, Giuseppina Torregrossa torna con l’ispettore Mario Fagioli alle prese con una nuova indagine in Chiedi al portiere, pubblicato da Marsilio.

Mario Fagioli, detto il Gladiatore, ha una nuova fidanzata, Lidia, con lei sta bene, si è rimesso in forma, si sente più giovane e piacente. Le cose vanno alla grande.

Fino a quando Eleonora Piazzese, un’amica di Lidia, la chiama per parlarle dell’improvvisa morte della madre Aurora, e del fatto che lei sospetti che non si tratti di morte naturale, ma che il padre l’abbia ammazzata. Lidia non perde tempo e la fa parlare con il fidanzato, che le consiglia di sporgere immediatamente denuncia, anche se Eleonora non è sicura di volerlo fare: ha paura, si tratta comunque della sua famiglia. Ma mentre lei è piena di domande su cosa fare, Lidia è certa che Mario debba dare una mano alla sua amica. Mario però è preso da un altro fatto. Continua a leggere

The revelation

Un romanzo horror vero e proprio, scritto da uno dei numeri uno nel settore, Bentley Little, The revelation, uscito in Italia con Vallecchi, è una storia profondamente angosciante sino all’ultima pagina.

In una piccola cittadina del nord dell’Arizona una chiesa viene profanata, scritte contro i fedeli e contro la fede vengono trovate su tutti i muri, realizzate con sangue di capra. Il prete e la sua famiglia sono scomparsi, nessuno si capacita di quanto accaduto, ancor meno quando due degli allevatori cui sono state ammazzate le capre vengono trovati a loro volta senza vita.

E naturalmente, le strane, stranissime morti non finiscono qui. Nessuno ha mai visto qualcosa del genere da quelle parti. Un giorno, un ragazzino si rivolge allo sceriffo Weldon e gli parla di un sogno, in cui ha visto dove si trovano i cadaveri del prete e della sua famiglia. Weldon non sa perché, ma gli crede. Continua a leggere

L’eleganza del killer

Ancora una volta per Milano romba il motore del giallone, la famosa vespa di Enrico Radeschi, il giornalista di nera, il personaggio inventato da Paolo Roversi che da anni ormai è diventato beniamino degli amanti del giallo.

La nuova storia si intitola L’eleganza del killer ( Marsilio) , e vede Radeschi impegnato in un nuovo caso che coinvolge non una ma più mafie che si scontrano sul territorio lombardo. Continua a leggere

Un odore di toscano

Un nuovo personaggio si affaccia nel panorama letterario italiano noir. E’ Attilio Toscano, il protagonista ideato dal giornalista e scrittore Roberto Perrone che lo racconta in Un odore di Toscano ( HarperCollins).

Toscano è un poliziotto, fuma il sigaro, è un uomo che ama le moto, il buon cibo, le donne e  le battute;  detesta chi si prende sul serio e fa così con tutti gli aspetti della vita.

Toscano è così perché ha un passato doloroso, e i ricordi ad esso legato lo portano ripetutamente al mare, dove è nato, anche se ora, dopo essere diventato un eroe nazionale, è stato trasferito da Sciacca, vicino Reggio Calabria, a Milano, per lavorare con una nuova squadra. Continua a leggere

The butcher

Steven Minelli è cresciuto in America, dove sono andati a vivere i suoi genitori, originari di Cascinelle in Chianti. Steven ha un passato burrascoso, e non si perdona la morte della madre e del padre, anche se di fatto lui non c’entra nulla con quanto accaduto. Ma per lasciarsi i demoni alle spalle Steven deve tornare nella sua terra d’origine e ricominciare, lì dove ci sono ancora gli amici del padre, uno dei quali gli da un lavoro come macellaio, e anche un posto dove stare. Steven è il protagonista di The butcher, il risveglio di Steven di Philip D. Kutnestov, edito Vallecchi.

E’ bello Steven, somiglia a Jude Law ma con tutti i capelli, ci sa fare in macelleria, le donne lo amano, gli abitanti di Cascinelle sono incuriositi da lui. E lui sorride per quanto può, convinto di volere una nuova e tranquilla vita.

Una sera però, davanti alla sua casa assiste ad una scena tremenda: un urlo, una donna che viene buttata giù da un’auto, l’auto che se ne va. Lui esce e trova la donna con la gola tagliata. Ma non è morta. Il taglio non è così profondo,  così lui decide di ricucirla, sa come fare, sa come prendersi cura di una persona ferita. Continua a leggere

Il rappresentante di cartoline

Una storia d’altri tempi, un romanzo corale composto da personaggi pittoreschi e unici, un giallo che esce dalla riviera del Ponente ligure. E’ Il rappresentante di cartoline di Roberto Centazzo ( Tea) che fa parte delle “ storie di Calamarina” cui lo scrittore ha dato vita.

Calamarina in realtà è un paese immaginario, ma vi si possono riconoscere le tipiche località di mare della costa ligure. Qui, un giorno di luglio del 1967, scende dal treno un uomo affascinante, ben vestito, distinto. E’ un rappresentante di cartoline. L’uomo inizia a girare per la cittadina e a far conoscenza dei commercianti del luogo per proporre loro un mezzo facile per farsi pubblicità, associare la propria attività alle bellezze naturali del luogo in una sola immagine, una cartolina che avrebbe girato il mondo, spedita dai turisti in vacanza. Continua a leggere

La madre scomparsa

Un romanzo dove i colpi di scena si susseguono, uno dopo, l’altro, giocando su più piani temporali. E’ La madre scomparsa di Emily Gunnis, pubblicato in Italia da Garzanti.

Gunnis passa  di capitolo in capitolo dal 1960 al 2014 partendo dalla storia di  Rebecca Waterhouse, che a soli tredici anni viene portata nella centrale di polizia dopo aver trovato i suoi genitori senza vita nel salotto di casa: un omicidio – suicidio, in cui sua madre ha perso la vita per mano del padre violento, che in preda ad una psicosi si è poi tolto la vita. Rebecca si è ripromessa di non parlare mai più di quella storia che ha cambiato e stravolto la sua vita per sempre.

Si arriva poi ai nostri giorni, in Inghilterra,  quando Jessie Waterhaouse mette al mondo una bambina che richiede immediatamente delle cure per poter sopravvivere e con lei sparisce nel nulla, lasciando l’ospedale senza che nessuno se ne accorga. La sorella di Jessie, Iris, pur avendo un rapporto molto complicato, appresa la notizia salta sul primo treno per andare nella tenuta di Seaview Cottage dove è cresciuta.

Un passo indietro nel tempo per Iris che non tornava a casa da vent’anni, tra i ricordi di una vita complicata e un rapporto con la madre Rebecca  tutt’altro che facile. Ma il viaggio fisico, mentale e psicologico che le tre donne, Rebecca Jessie e Iris devono affrontare è necessario per conoscere il passato e comprendere così il loro presente. Sperando nel futuro.

La chiave di tutto sta nel trovare il coraggio di parlare, solo così si possono ritrovare gli equilibri.

Emily Gunnis

La madre scomparsa

Traduzione di Elisabetta Valore

Garzanti

Pagine: 312

Prezzo: 19,00 euro

Rancore

Nuovo romanzo per Gianrico Carofiglio che regala ai suoi lettori un nuovo capitolo della storia di Penelope Spada, già conosciuta in La disciplina di Penelope, ex Pm con un passato misterioso. Il cambiamento nella sua vita lavorativa è arrivato per un suo errore, qualcosa che lei stessa non riesce a perdonarsi del tutto. La troviamo dunque nuovamente in Rancore ( Einaudi): a Milano, dove ha sempre lavorato, è ora investigatrice, pur senza licenza, e alle prese con un caso di omicidio, o forse no. Forse si è trattata di una morte naturale: un barone universitario, un chirurgo  ricco e potente, appartenente alla massoneria, una mattina è stato trovato dalla governante  sdraiato sul suo letto, vestito di tutto punto ma senza scarpe, senza vita. Il suo nome era Vittorio Leonardi.

Sembrerebbe un infarto, cosa confermata dal medico, ma la figlia Marina  non ci crede, anzi è convinta che la nuova moglie del padre, giovane e bella, che certamente non l’ha sposato per amore, l’abbia fatto uccidere. I motivi secondo lei starebbero nel testamento del padre, con cui peraltro non aveva quasi più rapporti. Continua a leggere

Il confine segreto dei ricordi

Sono già stati venduti i diritti cinematografici di questo romanzo di Paloma Sanchez – Garnica intitolato Il confine segreto dei ricordi ( Sperling&Kupfer), un thriller colmo di intrighi e segreti, ambientato alla fine degli anni ’60.

Madrid, la vita di Daniel e Sofia Sandoval trascorre tranquilla, tra il lavoro di avvocato di lui e di madre di lei, lei che ha rinunciato ad una carriera di ricercatrice scientifica per accudire le loro figlie insieme alla governante Vito.

Ma  quando la vita di Daniel appare perfetta e di successo, tutto cambia in un solo giorno, quando sulla scrivania trova una lettera anonima a lui indirizzata, in cui legge che quelli che ha sempre pensato essere i suoi  genitori in realtà non lo sono. Continua a leggere