Lo zio cadavere

Hayden McGlynn è un cabarettista che mantiene il suo pubblico londinese  con molta difficoltà, ha parecchi pensieri per la testa che non può tenere a bada nemmeno bevendo perché ha smesso di ingurgitare alcol, il che è un bene per tanti motivi, ma a volte sarebbe meglio di una tazza di tè, bevanda di cui sta diventando esperto. Hayden ha però in mente di scrivere un libro, magari un giallo. Se solo riuscisse a farsi venire un’idea buona che non arrivi da qualcun altro.

Hayden è il protagonista de Lo zio cadavere, libro dello scrittore e performer irlandese Ian Macpherson e pubblicato in Italia da 8tto Edizioni.

Proprio come Ian, anche Hayden è nato e cresciuto in Irlanda, e qui decide di tornare quando apprende della morte dello zio Eddie, l’uomo che l’ha cresciuto da quando i suoi genitori se ne sono andati lasciandolo all’età di sette anni. Hayden arriva a Dublino, incontra un amico d’infanzia e le tre vecchie zie, una più estrosa dell’altra, e prende parte al funerale di Eddie, rendendosi subito conto che forse, nonostante l’età avanzata dello zio, la sua morte non è stata naturale.

Qualcuno l’ha ucciso. Continua a leggere

Il meglio deve ancora venire

Credete nell’oroscopo? Ferruccio Pammatone no, ma gli piace ascoltare la radio appena sveglio e così lo ascolta, l’oroscopo. Che una mattina gli preannuncia incontri inaspettati, anche dal passato.

E guarda caso poco dopo, l’ex poliziotto entra in Questura e vede una vecchia conoscenza, detestata conoscenza: Banderuola, ex collega così soprannominata per il suo modo d’agire. Non un buon inizio per Pammatone, che però si ricrede quando uscendo fa un incontro questa volta si piacevole: Aurora Viola, ex collega anche lei, molto più giovane di lui e dei suoi due inseparabili amici e compari, Luc Santoro e Eugenio Mignogna.

Insieme non sono altri che la Squadra speciale minestrina, i tre personaggi dello scrittore Roberto Centazzo che li fa ritrovare ai lettori nel nuovo romanzo edito TEA Il meglio deve ancora venire. Continua a leggere

Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno

Un giallo alla Agatha Christie in cui sicuramente “l’assassino è tra noi”. Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno dell’acclamato comico e scrittore australiano Benjamin Stevenson, pubblicato in Italia da Feltrinelli, è un giallo in famiglia da leggere tutto d’un fiato.

Ernie Cunningham , che di professione pubblica  manuali su come si confeziona e si scrive il   perfetto giallo, ha visto il fratello Michael uccidere e seppellire un uomo e l’ha denunciato. Questo tre anni fa. Ora c’è una riunione di famiglia in occasione dell’uscita di Michael dal carcere, ma non tutti hanno perdonato Ernie per quello che ha fatto, e forse il primo è proprio il quasi ex galeotto.

Ma in fondo non è così facile, perché tutti i componenti della famiglia Cunningham, come ci svela il titolo, hanno ucciso qualcuno. Continua a leggere

L’isola

Il passato non lascia scampo, in un modo o nell’altro torna sempre, si sa. Lo sa anche Hulda Hermannsdóttir, ispettore di polizia di Reykjavík, protagonista de L’isola, romanzo di Ragnar Jonasson ( Marsilio), che è riuscita a farsi una famiglia anche se non ha mai conosciuto suo padre, ma che oramai ha perso tutto. Le rimane solo il lavoro, e su quello punta tutto.

La svolta in questo senso per lei arriva una domenica mattina, quando accetta un caso per aiutare un collega delle isole Vestmann. Sull’isola abbandonata di Elliðaey è infatti successo qualcosa.

L’isola è un luogo tanto meraviglioso quanto per certi versi ostile, e lì quattro amici trentenni di vecchia data hanno deciso di passare un fine settimana, nell’unica casa presente. Benedikt, Dagur, Klara, Alexandra. Continua a leggere

Matcha al veleno

Un giallo avvincente, divertente, colmo di nozioni sull’oriente, sul Giappone e sull’importante cerimonia del tè.

Stiamo parlando di Matcha al veleno, il romanzo di Stefania Viti pubblicato da Sonzogno.

E’ febbraio, Milano, qui Nora Valli, giornalista appassionata di Giappone, dove ha vissuto, e di moda, argomento di cui si occupa per svariate riviste come Donna Oggi, viene invitata per l’inaugurazione della nuova sede della scuola del tè dal maestro Yamafuji Sowa.

Qui, nel cuore di Brera, viene celebrato il koicha temae, l’esclusiva cerimonia durante la quale gli invitati degustano una miscela pregiatissima da un’unica tazza, alla presenza di personalità in vista della città e della comunità nipponica, tra cantanti liriche, attrici di teatro No e altre donne della Milano bene, come Ludovica Cattaneo, ex modella, bellissima donna dedita alla filantropia, e moglie di un importante protagonista della finanza. Continua a leggere

La libreria dei gatti neri

Marzio Montecristo è un ex insegnante di matematica diventato libraio grazie al suo amore per la lettura, ma una lettura focalizzata sul solo genere noir. E infatti la libreria di Marzio a Cagliari  vende solo gialli: si chiama Les Chats Noirs, La libreria dei gatti neri, che poi è anche il titolo del romanzo in questione, scritto da Piergiorgio Pulixi e pubblicato da Marsilio.

Marzio non è un grande venditore, si innervosisce facilmente davanti a clienti che a onor del vero non sono affatto preparati e infilano uno strafalcione dietro l’altro, però la sua attività è diventata nota grazie al nome, dovuto alla presenza dei due gatti che una volta arrivati non se ne sono più andati, chiamati  Miss Marple e Poirot, e al gruppo di lettura che ogni martedì si riunisce per parlare di gialli, sviscerarli, capire se ci sono lacune nelle trame. E tutto ha preso nuova piega quando i partecipanti al gruppo hanno dato una mano ad un’amica di Montecristo nella soluzione di un caso. Da allora sono diventati “ gli investigatori del martedì”. Continua a leggere

La voce del crepaccio

La voce del crepaccio: Il Gletschmann si risveglia con la prima neve. È un assassino inarrestabile, partorito dal ventre più profondo delle Dolomiti

Un thriller vicino all’horror quello di Matthias Graziani intitolato La voce del crepaccio ( Mursia), comporto da tanti personaggi ben delineati.

E’ il 1989, siamo in  Trentino Alto Adige Il Gletschmann, l’uomo del crepaccio, è tornato, portando con sé un’ondata di crimini violenti.

Julian Spitaler, un sedicenne che sente le voci della montagna, è  il solo  a comprendere  il pericolo incombente, e il suo ingresso in un cimitero in una notte di novembre porta a galla un segreto rimasto sepolto per troppo tempo. Continua a leggere

Le colpe dei padri

Asa Larsson in Le colpe dei padri ( Marsilio) racconta Börje Ström, un pugile conosciuto in tutta la Svezia per le sue vittorie sul ring  che ha perso il padre da bambino, in circostanze misteriose.

L’uomo non è mai stato ritrovato. Ma dopo sessant’anni il corpo spunta all’interno del un congelatore di un vecchio alcolizzato, perfettamente conservato. Continua a leggere

Sciocchi spavaldi omicidi

Klas Ekman in Sciocchi spavaldi omicidi regala ai suoi lettori una storia di fatti assurdi, concatenati, tutto partendo da una sola piccola distrazione.

Il giallo, edito Einaudi, vede Johan e Anna, coinvolti in una storia  clandestina, che un giorno, dopo un week end che doveva essere d’amore, iniziano a battibeccare. Stanno rientrando in città, sono in auto, quando investono una donna. E’  un attimo, e tutto crolla. Avevano deciso di rendere pubblico il loro rapporto, di andare a vivere insieme, ma poi qualcosa è cambiato, e nell’attimo in cui la sconosciuta viene catapultata sul ciglio della strada, tutto diviene senza senso. Chiamare la polizia? Denunciare il fatto? No, i due amanti, in preda al panico decidono di portare il corpo senza vita nel bosco e nasconderlo sotto le foglie. Continua a leggere

Nel campo degli zingari

Nuovo romanzo di Ottavia Niccoli, già autrice di Morte al filatoio per Vallecchi.

E’ uscito infatti il giallo Nel campo degli zingari, che porta il lettore a Cerreto sull’Appennino bolognese.

Qui Don Tommaso viene incaricati da suo nipote di occuparsi del piccolo feudo, ma già durante il suo viaggio per arrivarci si imbatte in un problema: un uomo assassinato con un colpo di archibugio. Continua a leggere