1999. Un serial killer si aggira per Bolzano. O forse non è proprio così.

 

 

 

 

 

 

 

 

Un libro dai numerosi personaggi, che si conoscono via via che le pagine scorrono. Personaggi che sembrano non avere nulla o poco in comune, e invece, mentre il quadro inizia a delinearsi, tutto prende forma e i tasselli combaciano perfettamente. Queste figure  hanno molto più di qualcosa in comune. Nessuno muore in sogno della bolzanina Katia Tenti, pubblicato da Marsilio, è un thriller in piena regola, un romanzo che si legge rapidamente nonostante le quattrocentododici pagine: questo perché  si crea il trasporto fondamentale per la  riuscita di un libro che vuole portare il lettore a cimentarsi nell’impresa di scoprire chi ha ucciso, e perché.

Bolzano, 1999. Una ragazza viene trovata senza vita in un casolare, adagiata sul divano a pancia in giù. Le sono stati tagliati i capelli e sul corpo ha strane cicatrici. Ad indagare è il pm Jakob Dekas, richiamato immediatamente dal suo periodo di ferie. Con lui ci sono la nuova collega Emma Blaas, il Maresciallo Barra, il  nuovo “acquisto” Santo Malacarne, consulente esperto di omicidi seriali, e gli altri membri della Squadra investigativa.

La presenza di Malacarne logicamente non è casuale, pochi giorni prima dell’omicidio della ragazza sul divano un’altra donna, una dentista, è morta, uccisa con simile modus operandi. Possibile che a Bolzano stia girando un serial killer che ammazza donne per tagliar loro i capelli?

Quando Dekas e la sua squadra vengono avvertiti del secondo omicidio, però, qualcosa fa sobbalzare il Pubblico Ministero: il nome della vittima è Claudia Von Dellemann, donna con cui ha avuto una fugace relazione.

Ma chi era Claudia? Sicuramente non quella che Dekas pensava di conoscere: certo, come sapeva era una donna indipendente e inquieta, e che  di professione faceva l’architetto. Ma sembra fosse anche una escort. E quest’ultima cosa Jakob davvero non la sapeva.

Da questa scoperta il romanzo della Tenti si apre verso tanti inattesi e oscuri fatti sulla vita delle persone più importanti ed influenti della cittadina, svelando prostituzione, corruzione e perversioni che molti, insospettabili,  non vogliono emergano.

Sono dunque collegati i due omicidi? Esiste davvero il serial killer? E Martina, la coinquilina di Claudia, cosa nasconde?

Un noir affascinate, dallo stile asciutto quanto necessario per una storia simile che non prevede distrazioni, Nessuno muore in sogno è  costruito su più piani temporali che permettono di ricostruire le vite, le personalità e la psicologia dei personaggi, sino alla soluzione.  Nonostante i tentativi di depistaggio.

 

Katia Tenti

Nessuno muore in sogno

Marsilio

Pagine: 412

Prezzo: 18,00 euro

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *