Il peso della neve

Un incidente d’auto, numerose fratture che potevano portare alla morte. E’ ciò che accade al protagonista de Il peso della neve, romanzo di Christian Guay- Poliquin, autore del Quebec. Il romanzo, pubblicato in Italia da Marsilio, è un mix perfettamente  riuscito tra guerra psicologica e il sottile limite umano di capire la libertà degli altri. Il giovane che conosciamo torna nel suo paese natale in seguito alla morte del padre, ma proprio in questa circostanza rimane vittima di un incidente che lo porta vicino alla morte, anche per via dell’impossibilità di essere trasportato in una struttura ospedaliera adeguata. Il paese in cui si trova è infatti molto piccolo, sepolto da svariati centimetri di neve e quasi disabitato per via di un black out che si protrae da giorni.

Le persone tentano in ogni modo la fuga per andare in città.

Anche l’anziano Matteo vorrebbe andarsene, ha promesso alla moglie malata che sarebbe tornato presto per stare con lei nei suoi ultimi giorni, e invece non ce la fa. Proprio a Matteo viene affidato il ragazzo infortunato. Così, nella veranda di una casa disabitata, con la vista sul paese e sulla neve, inizia la convivenza forzata dei due. Inizialmente il ragazzo, di cui l’autore non svela il nome, come in una condizione esistenziale in cui nemmeno lui sa più chi è, non parla. La sa voce non viene fuori per giorni, mentre Matteo spacca la legna, cucina, fa provviste, e tutto quanto possa tenerli in vita in attesa della fuga da quell’ostile paesaggio del Quebec. Continua a leggere

Davide, Valentina e il silenzio che rimane

Il rapporto tra Davide e Valentina non è sempre stato facile. I due protagonisti de Il silenzio che rimane di Matteo Ferrario ( HarperCollins) si conoscono, si innamorano, si sposano, litigano, non sanno come e se andrà avanti il loro matrimonio, però si vogliono bene, questo è certo, ma può bastare?

Non c’è tempo per chiederselo, perché un giorno di fine agosto i due si incontrano in un caffè e, insieme agli altri clienti e ai gestori del locale, vengono presi in ostaggio. Un ragazzo armato di pistola fa irruzione, minacciando tutti i presenti, usandoli come scudi umani contro le vetrine del negozio per evitare che le forze dell’ordine gli sparino. Atto terroristico? Sembra di no: il giovane vuole sapere perché suo fratello è stato licenziato dal locale, perché ha perso il lavoro quando lui e la madre malata non sanno come fare per tirare avanti. Continua a leggere

Un matrimonio americano

Quanto è difficile il matrimonio? Quanto è complicato crescere insieme in un percorso? Molto, comunque vadano le cose. Se poi la giustizia sbaglia tutto diventa ancor più complesso. In Un matrimonio americano di Tayari Jones ( Neri Pozza) nel matrimonio ci sono Roy e Celestial, neri di Atlanta. Si incontrano grazie all’amico comune Andre, si amano, si sposano. Dopo poco più di  un anno, convinti di avere tutta la vita davanti a loro, i due hanno già attraversato alcuni problemi: Celeste vuole fare carriera, le bambole che crea sono vere e proprie opere d’arte e sta avendo molto successo, mentre a Roy piace piacere alle donne, anche se non farebbe mai del male alla moglie: vuole solo sentirsi ancora piacente, gli piace flirtare senza seguito, cosa non facile da spiegare alla persona che vive al tuo fianco. Ma i problemi si possono risolvere con la volontà, almeno sino a quando una donna non ti accusa di averla stuprata. Continua a leggere

Addicted. E’ possibile liberarsi dalle ossessioni?

C’è un evidente tributo a Dieci piccoli indiani di Agatha Christie nell’ultimo romanzo del giallista Paolo Roversi che si intitola Addicted. Pubblicato da SEM, questo romanzo è un vero domino di morti, per cui è sempre più difficile capire chi sia l’assassino, e cosa abbiano in comune tutti gli assassinati. La verità è che apparentemente non li lega niente: non il lavoro, non la nazionalità, non l’età. Ma una cosa c’è: sono tutti addicted. Cosa significa? Significa che ognuno di loro è ossessionato. Ognuno da qualcosa di diverso, ma qualcosa che gli impedisce di vivere normalmente.

Rebecca Stark è una brava e nota psichiatra londinese, riuscita ad ideare un modo per liberare i suoi pazienti dalle loro psicosi, per sempre. Sembra una cosa incredibile e fantastica, e infatti, per questo importante lavoro, un suo ex paziente, un magnate russo di nome Grigoriy Ivanov, le propone di guidare una nuova clinica che si trova in Italia, in Puglia per la precisione: una magnifica masseria che il russo, devoto a Rebecca, ha acquistato per dare il via ad una serie di centri dove le persone possano disintossicarsi una volta per tutte dai loro demoni: il sesso, il gioco, la droga, la tecnologia. Continua a leggere

Due fiocchi di neve uguali

Quanto è difficile essere adolescenti. Lo è sempre stato, forse oggi anche di più. In Due fiocchi di neve uguali di Laura Calosso ( SEM) gli adolescenti sono al centro di tutto, con le loro storie, differenti e complesse.

Margherita  ha diciotto anni, ha appena finito il liceo, si prepara per l’università sapendo che la sua famiglia sta vivendo evidenti difficoltà economiche. Margherita è una ragazza con pochi grilli per la testa, studiosa, riservata, timida, quasi una mosca bianca nel panorama dei giovani. Continua a leggere

Torna il Commissario Balistreri, con una storia che arriva da molto lontano

E’ tornato il Commissario Balistreri. Grazie alla penna di Roberto Costantini, ingegnere con il pallino del thriller, ritroviamo Michele, Mike, in un’avventura che lascia come sempre sorpresi, senza fiato, con la voglia di leggere cinquecentonovantasette pagine in un colpo solo. Da molto lontano, il nuovo romanzo edito come sempre Marsilio, narra di una storia che arriva dal 1990, anno dei Mondiali di calcio italiani,l ‘anno dell’Italia che perde, delll’Argentina del tanto amato dai napoletani Diego Armando Maradona.

In tutto questo trambusto di bandiere italiane e una calda estate, il figlio di un noto imprenditore scompare. Forse rapito, come si evince da una lettera anonima. Ma è davvero così?  Oppure il giovane è scappato con la ragazza di cui è innamorato, una semplice cameriera, che si scoprirà avere contatti, suo malgrado con la camorra? Il padre sembra non prendere troppo sul serio la faccenda, ma la sorella dello scomparso si. Ma la famiglia ha molti segreti, Balistreri lo sa e non è contento di avere a che fare con gente simile, tanto da sottovalutare inizialmente l’accaduto. Ma poi due cadaveri vengono trovati, orrendamente mutilati. Sono il ragazzo e la sua giovane compagna. Continua a leggere

C’era una volta… La regina del giallo

Prendere in mano scritti da autori storici, universalmente conosciuti, fa bene. Per gli amanti del giallo certamente Agatha Christie è imprescindibile penna. I suoi libri, i suoi personaggi, tra cui Poirot e Miss Marple, sono universalmente conosciuti. Poi ci sono alcune storie meno famose, ma non per questo meno affascinanti. C’era una volta, ad esempio, è un giallo da non perdere. Scritto nel 1944 e oggi proposto da Mondadori, questo romanzo è ambientato nell’antico Egitto.

La stessa autrice, la regina del giallo, come molti la chiamano da sempre, ha inviato al Professore Stephen Glanville una lettera, in cui lo ringrazia per averle suggerito l’idea per una trama ambientata proprio tra il popolo egizio e di averle fornito nozioni fondamentali per scrivere la storia. Continua a leggere

Mammamia! Ovvero, cercare di imparare il mestiere più difficile: quello di genitore

Il mestiere di genitore è il più complesso al mondo. Da quando un essere umano nasce a quando diventa adolescente sino all’età adulta, non si finisce mai di essere una madre, un padre, di cercare di dare il meglio ai figli. E per tutto questo serve tempo.

Il problema è che non ci sono corsi di laurea, il lavoro di genitore si impara solo con l’esperienza. Lo sanno bene Paola Maraone e Alessandra Di Pietro, che per Baldini+Castoldi hanno pubblicato Mammamia! Il metodo italiano per crescere bambini felici ed essere genitori sereni.

Paola e Alessandra hanno la bacchetta magica? Hanno risolto il grande dilemma dell’essere buoni genitori e non impazzire dietro ai bambini e alle loro naturali esigenze? No, ma hanno fatto e fanno del loro meglio, e hanno capito qualche trucchetto. Continua a leggere

I consigli del libraio: a gennaio c’è Elena Molini della Piccola Farmacia Letteraria, Firenze

La Piccola Farmacia Letteraria è un piccola spazio di 35 mq nato nel dicembre del 2018 a Firenze. Dopo una lunga esperienza in librerie di catena ho notato come le persone chiedessero consigli sui libri da leggere in base ai propri stati d’animo. Ho deciso allora di creare la prima Farmacia Letteraria d’Italia dove i libri sono consigliati tramite dei bugiardi che hanno indicazioni, effetti collaterali e posologia. Il cliente così può tramite le indicazioni che trova sul libro se un testo è adatto a lui o no. Ho introdotto anche il Gioco dell’Oca della farmacia dove per ogni libro ne consiglio altri 3 in base a cosa ti è piaciuto: autore, genere, ambientazione.

 

 

I tre libri consigliati da Elena:  Continua a leggere

Tre minuti che possono cambiare l’intera vita

Bastano tre minuti per cambiare una vita. Anche meno, quando l’ansia ti assale e pensi che tutto intorno a te non sarà più lo stesso. Alla quindicenne protagonista di Tre minuti di Daniela Zuccotti, romanzo edito Baldini+Castoldi, tutto accade una mattina, prima di andare a scuola. Continua a leggere